Home » FONDAZIONE # 3 : Minimalia

FONDAZIONE # 3 : Minimalia

 - BIONIKONLab
MINIMALIA.pdf MINIMALIA.pdf [8.972 Kb]

Sperimentare la leggerezza resistente

Sperimentare la leggerezza resistente - BIONIKONLab

Un foglio di cartoncino formato A4, tramite opportune pieghe che ne modificano il comportamento resistente e lo scarico delle forze, diventa il materiale per sperimentare soluzioni di Basic- Design e costruire profili e textures resistenti alle forze di  compressione.

Resistere per forma, senza aggiungere ulteriore massa, è una  sfida alla capacità di progettare  forme  minime ad alta prestazione strutturale, che in genere gli studenti accolgono con entusiasmo.

Si crea un clima di competizione positiva, attraverso delle gare di carico, in cui si testano le varie soluzioni aggiungendo pesi successivi per verificarne l'efficienza statica.

Si creano spontaneamente dei piccoli di team di ricerca, che agendo direttamente sui materiali, provano e riprovano la soluzione vincente.

E' molto importante agire attraverso prove ed errori e soprattutto osservare con molta attenzione le deformazioni che i materiali manifestano nel corso delle prove.

Una delle ultime gare di resistenza leggera ha visto vincere una soluzione che ha permesso di sostenere per un tempo molto lungo, circa 2.50 Kg.

Si impara ad osservare le deformazioni e le pieghe di rottura dei modelli, e a comprendere intuitivamente il percorso delle forze e delle resistenze.

Il passaggio all'osservazione guidata di foglie e nervature, è il naturale percorso di comprensione del concetto di "struttura leggera".

Successivamente, al foglio di carta vengono  aggiunte stecche e listelli di legno,  per portare lo studente a sperimentare soluzioni strutturali sempre più complesse andando ad esplorare i comportamenti statici di elementi come le capriate, le travi reticolari, le strutture reciproche ed altri componenti strutturali  leggeri.

 - BIONIKONLab

Bolle di sapone e lamine minime

Bolle di sapone e lamine minime - BIONIKONLab

L'utilizzo di bolle e lamine saponate è conosciuto nella didattica della chimica e della fisica da decine di anni dal  "Le leggi della fisica sulle bolle di sapone"un libretto scritto molti, molti anni fa, nel 1889 da Sir Charles Vernon Boys (per la precisione è composto da tre conferenze tenute dall'autore fra il dicembre del 1889 e il gennaio del 1890, raccolte per la prima volta in volume nel 1902).

In effetti gli esperimenti che si possono sviluppare attraverso il loro utilizzo offrono interessanti possibilità di comprendere, oltre che importanti fenomeni fisico-chimici, alcune fondamentali leggi che governano la morfologia inorganica ed organica, come ben descritto nel fondamentale testo di Sir D'Arcy Thompson, "On Growth on Form" (Crescita e Forma).

Il laboratorio delle bolle di sapone è uno degli step formativi essenziali alla costruzione del sistema operativo BIONIKONLab.

Oltretutto l'attrezzatura necessaria è veramente di poco costo e di facilissima realizzazione, anche da parte degli allievi più piccoli.

BIONIKONLab

Il progetto BIONIKONLab รจ inserito nel network europeo S.T.E.N.C.I.L. che raccoglie proposte innovative per l'insegnamento delle materie scientifiche.

BIONIKONLab

TROVACI IN SARDEGNA

BIONIKONLab

Un sito per cercare un tutor online

BIONIKONLab

BIONIKONLab

Il NAT14 : uno SPIN-OFF di BIONIKONLab.

BIONIKONLab

DIDATTICARTE di Emanuela Pulvirenti

BIONIKONLab

UNIVERSITA' POPOLARE DEL SULCIS Ass. S'Ischiglia Onlus Carbonia Collaboriamo alla realizzazione dell'Open Day sull'innovazione tecnologica SULKIMAKE, in programma nel mese di marzo-aprile 2015.